DEGENERAZIONE MACULARE

La Degenerazione Maculare Legata all’Età (DMLE o AMD) è attualmente considerata la prima causa di cecità nei Paesi industrializzati e la terza in assoluto
Si manifesta con una distorsione delle immagini al centro del campo visivo, difficoltà nella lettura e perdita della brillantezza dei colori. La degenerazione maculare comporta dunque una severa penalizzazione, ma anche nei casi più gravi non provoca la cecità totale.

Se ne distinguono due forme:

DMLE SECCA o ATROFICA: 80-90% caratterizzata da un assottigliamento progressivo della retina centrale, che si atrofizza (muoiono le cellule nervose fotosensibili), determinando la formazione di alterazioni pigmentarie tipiche e accumuli di drusen. L’eliminazione dei fattori di rischio e gli integratori a base di antiossidanti e omega3 rappresentano l’unica alternativa per rallentare la patologia.

DMLE UMIDA o NEOVASCOLARE: 10-20% più grave e a più rapida evoluzione, è caratterizzata dalla crescita di nuovi capillari con una parete molto fragile che diffondono sulla superficie della retina.. Questi vasi si possono rompere facilmente, causando accumulo di liquido intraretinico e saguinamento. La terapia è chirurgica mediante iniezioni intravitreali di farmaci anti-VEGF, sostanze che agiscono inibendo la proliferazione di nuovi vasi sanguigni della retina.

Per entrambe le forme i controlli periodici sono molto importanti, attraverso una visita oculistica, con test di Amsler ed esame del fondo oculare, l’OCT maculare e a volte la Fluorangiografia.